“Scusa, ma siamo aperti”

La scritta sulla bandiera parafrasa Sorry we’re closed, cartello standard che si trova in tanti negozi anglosassoni durante l’orario di chiusura. In un momento di chiusura del mondo, Sorry we’re open vuole sottolineare l’imbarazzo di chi, durante la crisi del Corona Virus, deve scendere in strada perchè costretto a lavorare, nel paradosso del doversi giustificare, e nello stesso tempo raccontare la diversità del punto di vista dell’artista. L’artista sventola Sorry, we’re open: scusa, ma io sono aperto. Aperto al mondo e al cambiamento, senza pregiudizi nè costrizioni di pensiero. 

UF2001 (Sorry we’re open), 2020, embroidered flag, 121 x 151 cm